Popolizio legge Belli

Teatro Argentina
Largo di Torre Argentina, 52
Roma RM
da Martedì, 29 Dicembre, 2020 a Mercoledì, 30 Dicembre, 2020

Ore 21:00

  • popolizio legge belli

Sonetti erotici e filosofici.

Con Massimo Popolizio e Valerio Magrelli. 

La voce del regista e attore Massimo Popolizio incontra la poesia affilata, profondamente ironica e lirica del cantore della Città eterna più acclamato di tutti i tempi, Gioachino Belli

Una serata-evento tra i versi e le storie dell’universo belliano: l’amore carnale, la morte, il potere corrotto, la celebrazione della città e il sentimento di pietà. «Non casta, non pia talvolta, sebbene devota e superstiziosa, apparirà la materia e la forma: ma il popolo è questo e questo io ricopio»: così scriveva il Belli nell’introduzione ai suoi Sonetti, la ricchissima raccolta in dialetto che ne decretò la fama, testimoniando la lingua e il celebre spirito del popolo romano che gli appariva come una grandiosa macchina parlante, tutt’uno con le piazze e i monumenti della città. Il dialetto si trasforma in una vera e propria lingua d’arte senza tempo in grado di fare i conti con la modernità e dirci qualcosa di nuovo sul nostro presente. Così Popolizio restituisce alla scena i versi che il Belli stesso, cronista severo della sua epoca, immaginava destinati all’ascolto ancor più che alla lettura.

Una produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale.

Il programma potrebbe subire variazioni

Telefono: 
06684000314
Ingresso: 

Euro 25-40 (intero), euro 20-32 (ridotto) con prenotazione obbligatoria.

Prima di acquistare ti invitiamo a leggere il Regolamento del Teatro di Roma per emergenza Covid-19 disponibile sul sito www.teatrodiroma.net.
Per permetterti di godere le rappresentazioni al meglio e in totale sicurezza, in tutti i nostri teatri potrai scegliere se acquistare posti singoli o posti in coppia.
Al momento dell'accesso in sala ti sarà richiesta un' autodichiarazione:
- clicca qui per stampare il modello Posti singoli
- clicca qui per stampare il modello Posti congiunti

A cura di: 
Teatro di Roma