Sguardi dalla capitale - Sorprese Giganti - Dialoghi con Trilussa

GRATUITO
Giardino degli Aranci
Piazza Pietro d'Illiria, 3
RM
Manifestazione: 
Venerdì, 28 Agosto, 2020 18:00

Ore 18:00 performance
Ore 21:00 spettacolo musico/teatrale
Ore 22:00 spettacolo con poesie

  • Dialoghi con Trilussa

Tra storia, musica e poesia.

Ore 18:00 - Performance 
Sguardi dalla capitale
Perfomance, Racconti e Immagini dai 15 municipi di Roma a cura dei gruppi partecipanti alla Rete Laboratorio Roma. Le performance sono tutte opere prime. In programma oggi:

Otto dieci nove - Performance dedicata al territorio del Municipio IX
a cura di Hilo Rojo Teatro di Siviglia
Interprete: Giulia Esposito
Una performance narrativa musicale. Attraverso la lettura di diari, articoli, estratti di libri e con l'accompagnamento della musica, la performance racconta i fatti della Battaglia della Montagnola combattuta per la difesa di Roma dall'occupazione nazifascista, tra l'8 e il 10 settembre del '43. Le tre giornate, svoltesi tra la borgata laurentina, l'Eur 42, e la Magliana, hanno come protagonisti eroi sconosciuti, giovani, abitanti del quartiere, contadini, granatieri, preti, suore. Partigiani della libertà.

Passaggi - Performance dedicata al territorio del Municipio VIII
a cura della compagnia Linee Libere
Interprete: Irene Di Lelio
Un crocevia. Una piccola isola a metà “tra un villaggio operario e un borgo marinaio”. Un continuo passaggio di corpi, anime e racconti di vita. La Garbatella, uno dei cuori popolari più suggestivi di Roma, è per noi uno scenario di storie incrociate che si susseguono, si accavallano e si incontrano in un unico punto: l’osteria della ‘garbata e bella ostessa‘ dell’ottocento. Lavoro costruito in site specific e con attenzione alle storie dei personaggi raccolte tramite interviste agli anziani o ai commercianti del piccolo borgo, raccolte di vecchie leggende e che prevederà un’approfondita ricerca storica, bibliografica e artistica della Garbatella. L’intento è di costruire una performance che metta al centro le storie da narrare dal punto di vista di chi le racconta, sia come bagaglio di esperienza emotiva e riflessione intellettuale, sia come reazione fisica ai fatti accaduti, che siano questi reali o di fantasia.

Ricordi della lotta di Liberazione - Performance dedicata al territorio del Municipio XII
a cura di Eleusis Teatro
Quest’estratto è di uno spettacolo itinerante che Eleusis ha realizzato all’interno del Forte Bravetta, racconta la vita in carcere, i soprusi, gli interrogatori, le condanne, dagli occhi delle donne appartenenti al Movimento di Liberazione Nazionale. Il Forte, nel Municipio Roma XII, è uno dei tanti luoghi di memoria della nostra città. Uno dei tanti luoghi di sangue. Tra il 1943 e il 1944 sono stati fucilati lì 77 appartenenti alla Resistenza, per mano delle truppe nazi – fasciste.

 

Ore 21:00 - Spettacolo musico-teatrale
Sorprese Giganti

a cura di Abraxa Teatro
Interpreti: Dimitri D'Urbano, Emilio Genazzini, Massimo Grippa, Paolo Grippa, Antonio Merola, Rita Superbi
I personaggi dello spettacolo, che indossano frack e cilindri colorati, danzano per il pubblico creando insolite coreografie e numeri d’abilità che colpiscono l’attenzione degli spettatori.  Azioni comiche accompagnate da musiche e ritmi eseguiti dal vivo sempre con l’intento di mantenere forte e brillante il gioco teatrale per stimolare anche il coinvolgimento degli spettatori. Le musiche e i ritmi spaziano dal repertorio sud americano, al dixieland, a quello popolare italiano. “Sorprese Giganti” apre le porte della fantasia per inventare immagini che introdurranno i presenti in altri mondi, come una sorta di miraggi a cui l’arte teatrale conferisce poesia e allegria.

Ore 22:00 - Spettacolo
Dialoghi con Trilussa

a cura della compagnia Teatro Potlach di Fara Sabina
Interprete: Daniela Regnoli
Attraverso alcune delle più belle poesie di Trilussa, l'attrice regala agli spettatori uno spettacolo divertente in dialetto romanesco indirizzato ad un pubblico di adulti e di giovani.  Uno spaccato della società del secolo scorso a cavallo delle due guerre che ci permette di riflettere sul nostro tempo e sulla società odierna. È tutto poi così cambiato? Si parla di amori tragico - comici, di un vecchio porco che decise di lasciare la campagna per entrare a far parte della “buona società,” dell’onestà delle nonne di un tempo, quando l’onore e la dignità non potevano essere comprati da alcun gioiello, o almeno così sembrava. Non mancano momenti melanconici, il tempo che passa e scorre senza possibilità di essere fermato, rappresentato dall’inesorabile canto di un uccellino di legno di un orologio a cucù, che scandisce le ore, i giorni, gli anni… Un dialogo, più che un monologo, con il celebre poeta romano che con la sua ironia e la pungente satira è riuscito a raccontare oltre cinquanta anni di cronaca italiana.

 

Il programma potrebbe subire variazioni

Telefono: 
0665744441
3404954566
066570040
Ingresso: 

libero

A cura di: 
Abraxa Teatro
Note: 

Accessibilità per disabili: SI